In arrivo il «carro merci del futuro»

È iniziata la realizzazione del primo «carro merci del futuro» di FFS Cargo, che sarà ancora più silenzioso, più leggero e più veloce di quelli attuali. A metà del 2017 inizierà la fase di test che durerà quattro anni e che prevede la modifica di 16 carri. Il treno è stato configurato negli ultimi mesi nell’ambito di un lavoro collettivo cui hanno partecipato diversi fornitori e partner industriali. Questa realizzazione di FFS Cargo rappresenta un progetto pionieristico in Europa.

demonstratorzugIl concetto di «carro merci del futuro», chiamato anche «progetto delle 5 L», è inedito. Le «L» designano in tedesco le principali caratteristiche del carro merci, ossia silenziosità, leggerezza, solidità di marcia, ottimizzazione per la logistica e life cycle orientato ai costi. Il treno è costituito da carri portacontainer formati da diversi componenti innovativi, tra cui, per esempio, carrelli montati a orientamento radiale anziché fisso. Ciò comporta meno rumore e una minore usura, a vantaggio non solo dei clienti nel traffico merci, ma anche di coloro che risiedono nelle vicinanze dei binari.

Accoppiamenti automatici per una maggiore efficienza
Al posto dei tradizionali freni a ceppi si utilizzeranno freni a disco. Inoltre le sale montate saranno dotate di un silenziatore. Il «carro merci del futuro» comporterà un’ulteriore riduzione da 5 a 10 decibel anche rispetto alla maggior parte dei carri merci che ha da poco subito un risanamento fonico ed è stata dotata di suole del freno composite (suole K). Il rumore sarà quindi pressoché dimezzato. In concreto ciò significa che il «carro merci del futuro» non sarà tanto più rumoroso di un treno viaggiatori. Inoltre saranno installati gli accoppiamenti automatici, che consentiranno un aumento dell’efficienza nelle stazioni di smistamento e pertanto rappresentano un passo importante verso l’automazione dell’esercizio.

Da metà del 2017 nell’esercizio ordinario
Il «carro merci del futuro» è stato sviluppato da FFS Cargo in collaborazione con il Gruppo specialistico innovazioni tecniche traffico merci su rotaia (TSI) e diversi produttori di componenti esterni. Il progetto è sostenuto dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) e dall’Ufficio federale dei trasporti (UFT). Attualmente è sottoposto a lavori di modifica il primo carro. Dopo l’omologazione, esso sarà messo in regolare esercizio a metà del 2017 e durante la fase del progetto di quattro anni raggiungerà la prestazione chilometrica di almeno 400 000 chilometri. Il carro circolerà dapprima in Svizzera e dal secondo semestre del 2018 percorrerà anche tratte internazionali. Entro i primi 6 mesi del 2017 saranno modificati e messi in esercizio complessivamente 16 carri.

Un ulteriore passo verso l’automazione
Attraverso diversi progetti, FFS Cargo lavora intensamente per l’automazione del traffico merci. Già ora i carri merci sono equipaggiati con una tecnica intelligente: la tecnica di pesatura come aiuto per il carico, la sorveglianza dello stato di chiusura, l’identificazione dei carri tramite RFID, il monitoraggio della temperatura e la geolocalizzazione o un’alimentazione elettrica per contenitori refrigerati mediante la rete FFS. Il «treno 5L» rappresenta un ulteriore passo verso l’automazione nonché un progetto pionieristico in Europa.

Autore

SBB Cargo
SBB Cargo

903 articoli

Commenta

Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>