La nuova tettoia dell’impianto di servizio di Muttenz

La centralizzazione della manutenzione dei carri merci a Muttenz ha richiesto delle modifiche edilizie. Tra queste, l’ingrandimento dell’area di trasbordo ferrovia-camion e viceversa e l’installazione di una tettoia sul piazzale antistante. Un tetto «normale» avrebbe notevolmente ridotto l’ingresso di luce nel padiglione e in diversi uffici. Quindi, si è fatto di necessità virtù: per la tettoia, il capoprogetto ha proposto di installare dei moduli semitrasparenti perfettamente orientati a sud e il fondo per il clima FFS si è fatto carico dei costi supplementari. Detto, fatto. L’impianto è in funzione dallo scorso dicembre e dovrebbe produrre circa 70 000 chilowattora di corrente l’anno, sufficienti a coprire suppergiù il 12 percento del consumo di energia dell’impianto di servizio di Muttenz ossia l’equivalente del fabbisogno di 17 economie domestiche svizzere. In settimana la corrente prodotta viene sfruttata direttamente in loco mentre nel weekend viene immessa nella rete locale FFS della stazione di smistamento. «Producendo energia rinnovabile copriamo una parte considerevole del nostro fabbisogno. In questo modo anche noi forniamo un piccolo contributo alla tutela del clima», afferma Ralf Hilmar Rudmann, responsabile dell’impianto di servizio di Muttenz, con fierezza parlando dell’innovazione introdotta.

Autore

Brigitte Hager
Brigitte Hager

15 articoli

Commenta

Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>