Patatine Zweifel: la ricetta del successo

Zweifel Pomy-Chips AG produce circa 80 milioni di bustine di patatine e snack all’anno. Il tragitto per raggiungere il cliente è pianificato in modo dettagliato: «Senza logistica non funziona niente», afferma il CEO Mathias Adank.  

Le quantità lavorate da Zweifel Pomy-Chips AG parlano da sole: si tratta principalmente di circa 24’000 tonnellate di patate raccolte da 400 contadini svizzeri, a cui si aggiungono 2500 tonnellate di olio da cucina e 400 tonnellate di sale e spezie. L’impresa ha razionalizzato tutti i processi in base alle ultime tecnologie. Questo è il risultato di un vasto progetto logistico realizzato negli ultimi anni che prevedeva la concentrazione della produzione nello stabilimento di Spreitenbach AG, oltre al passaggio da palette su ruote a europalette per il trasporto merce e da uno stoccaggio di flusso a un magazzino verticale automatizzato. In questo processo di potenziamento l’impresa ha investito un’alta somma a doppia cifra in milioni. «Il nuovo sistema ci garantisce procedure efficienti con flussi di merci ben separati», spiega il direttore di Produzione e Logistica Pietro Realini.  Ci troviamo all’inizio della produzione.

Le patate scompaiono in un impianto gigantesco − una tecnologia di processo sofisticata e all’avanguardia per una metamorfosi misteriosa. Poco dopo, delle fettine sottilissime risplendono nelle interfacce tra i nastri di trasporto e le singole macchine. E dopo un po’ sono trasformate in patatine gialle, pronte nelle loro confezioni sigillate.

Rivista Cargo 2/14

L'imprenditorialità è il tema centrale del nuovo numero della rivista Cargo. La rivista è disponibile dal 29 maggio 2014. All'abbonamento.
L’imprenditorialità è il tema centrale del nuovo numero della rivista Cargo disponibile dal 26 maggio 2014. All’abbonamento.

Il processo di lavorazione può essere seguito anche con l’olfatto: prima si sente un odore terroso, poi di olio caldo, dopodiché di spezie e infine neutro. Nelle macchine si grattugiano, si mondano e e si friggono le patate, proprio come in una cucina qualsiasi. Ma il tutto avviene su scala industriale, in modo super rapido e totalmente automatico. I non addetti ai lavori si stupiscono del fatto che 24 000 tonnellate di patate producano solo 8000 tonnellate di patatine e snack «secchi». La perdita di peso è dovuta al fatto che gran parte dell’acqua presente nelle materie prime evapora durante il processo.

Di notte da Zurigo-Altstetten

Le patatine e gli snack confezionati, circa 80 milioni di sacchetti all’anno, finiscono su palette che attraverso un ponte giungono nel magazzino verticale. In questa stazione intermedia sono disponibili 5400 posti di stoccaggio su undici piani. Nel corso di un anno qui si trasbordano quasi 200 000 palette che vengono consegnate tramite 15 rulliere a gravità e cinque rampe per autocarri. In media sono circa due dozzine le spedizioni via camion che partono ogni giorno dal deposito centrale di Spreitenbach e raggiungono direttamente Migros e Coop o i 13 centri di distribuzione regionali dell’azienda. Le sedi della Svizzera romanda a Le Mont VD e Conthey VS e quelle del Ticino sono rifornite con trasporti su rotaia notturni in partenza da Zurigo-Altstetten. L’assortimento di Zweifel si è quadruplicato nell’arco di 20 anni e oggi comprende circa 500 articoli incluse le confezioni. Per la loro gestione, l’azienda utilizza un proprio software di magazzino e ovviamente SAP.

Realini sottolinea: «Senza questo software sarebbe impossibile gestire gli attuali quantitativi e assortimenti. » «La logistica da sola non fa ancora il successo di un’azienda, ma senza di essa nulla funzionerebbe», commenta il CEO Mathias Adank riferendosi non solo al trasporto della merce ma anche alla qualità e alla freschezza dei prodotti. Stiamo parlando del servizio prodotti freschi, che è il segreto del successo dell’azienda svizzera di patatine e snack leader nel settore. Zweifel si distingue per il fatto che riprende indietro le merci scadute gratuitamente e risparmia così al rivenditore il rischio di avere merce invenduta. Quando oltre 50 anni fa l’allora titolare Hansheinrich Zweifel introdusse questo servizio rivoluzionario, alcuni mostrarono delle perplessità. Il servizio prodotti freschi invece ha dato fino ad oggi prova di buoni risultati pur richiedendo un ingente dispendio di personale e costi logistici. Ogni giorno 120 mezzi raggiungono ogni angolo della Svizzera dai 13 centri di distribuzione regionali per servire 22 000 clienti: dettaglianti, ristoranti, convenience store, stazioni di servizio e chioschi. Anche il produttore ne beneficia: il fatturato annuo di Zweifel, che negli anni ’60 era ancora sotto il milione di franchi, nel frattempo ha superato i 210 milioni di franchi.

Innovare per generazioni

Adank vede nella combinazione di tradizione e innovazione un ulteriore fattore di successo. Da una parte troviamo le celebri patatine alla paprica, un prodotto molto richiesto fin dagli inizi. Dall’altra parte Zweifel continua a lanciare novità, quest’anno ad esempio sette specialità alle nocciole. I consumatori di vecchia data associano agli snack e alle patatine soprattutto i bei ricordi delle grigliate e delle vacanze estive. I consumatori più giovani, invece, devono dapprima essere conquistati. «La giusta comunicazione in questo caso è decisiva», spiega Adank. La fan community di Zweifel su Facebook conta oggi quasi 120 000 amici. Il CEO è convinto che le patatine sopravviveranno ancora ad alcune tendenze e generazioni. L’oggetto che scatena la voglia di sgranocchiare resterà senza dubbio di moda grazie a Zweifel.

#cargomag
Nella nuova rivista Cargo 2/2014 l’articolo di copertina presenta due altri imprenditori svizzeri di successo: Schaerer, produttore di macchine da caffè e Hauert, produttore di fertilizzanti. Entrambi all’avanguardia nei rispettivi settori, non da ultimo grazie a eccellenti prestazioni logistiche. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.