Più passeggeri per FFS, FFS Cargo nuovamente in attivo

Nel primo semestre del 2014 il numero di passeggeri delle FFS è aumentato del 3 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, attestandosi a 1 002 000. Nel traffico merci la prestazione totale di trasporto è salita del 27 percento. È migliorata anche la puntualità dei clienti, passando dall’87,3 all’89,6 percento. Il risultato consolidato è diminuito del 43 percento, passando a 57 milioni di franchi, in seguito alle maggiori spese per la manutenzione dell’infrastruttura, all’aumento degli ammortamenti (soprattutto a causa dei nuovi treni) e al calo degli utili dalle vendita di immobili. Nel primo semestre SBB Cargo International è per la prima volta in attivo.

Güterzug von SBB Cargo

Nel primo semestre del 2014 il bilancio delle FFS in materia di sicurezza è positivo: è stato possibile proseguire il trend favorevole dell’ultimo trimestre del 2013, confermando così l’elevato livello di sicurezza. Anche la puntualità dei clienti è migliorata rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, passando dall’87,3 all’89,6 percento. Le coincidenze garantite si sono mantenute su un livello elevato (97,4 rispetto al 97,5 percento del 2013). Questi valori sono eccezionali se confrontati con quelli di altri Paesi. È stato possibile raggiungere questo risultato positivo garantendo la continuità dell’esercizio e parallelamente a un’intensa attività di costruzione e manutenzione della rete ferroviaria.

Calo del risultato consolidato nonostante il maggiore ricavo d’esercizio
Il ricavo d’esercizio a livello di Gruppo ha registrato un incremento del 3,2 percento, atte-standosi a 4173 milioni di franchi. Questo risultato è riconducibile soprattutto all’aumento dei ricavi da traffico viaggiatori (grazie alla migliore prestazione di trasporto), alle misure tariffarie 2012 e all’innalzamento dei ricavi da traffico merci. Le spese d’esercizio sono salite del 3,6 percento, attestandosi a 4073 milioni di franchi, a causa dell’aumento degli ammortamenti per il materiale rotabile e dei costi del personale nelle divisioni Infrastruttura e Viaggiatori. Per contrastare tale tendenza le FFS hanno introdotto misure di risparmio in tutta l’azienda, e in particolar modo nei servizi amministrativi, che entreranno in vigore nella seconda metà dell’anno. Il risultato consolidato è calato del 43 percento a causa della contrazione degli utili dalla vendita di immobili e del risultato negativo del traffico viaggiatori passando a 57 milioni di franchi (anno precedente: CHF 101 mio).

Dopo il finanziamento da parte dei poteri pubblici, il free cash flow si è attestato a –384 milioni di franchi (+CHF 102 mio rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) come conseguenza dei minori acquisti di materiale rotabile nel 2014 nonché del rinvio di diversi progetti immobiliari. A causa del free cash flow negativo, l’indebitamento soggetto a interessi è aumentato del 7 percento a 8703 milioni di franchi (CHF 8102 mio nel 2013).

Traffico viaggiatori: risultato sotto pressione a causa degli elevati ammortamenti
Le FFS hanno trasportato circa 1 002 000 passeggeri al giorno, facendo osservare un aumento del 3 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (970 000). Anche il numero di viaggiatori-chilometro è salito dell’1,7 percento, passando a 8,9 miliardi di chilometri, soprattutto a causa di un aumento esponenziale della domanda nelle regioni dell’Altipiano e in Ticino, come pure nelle ore di punta. Il numero degli abbonamenti generali è cresciuto nuovamente: a fine giugno erano 443 000 gli abbonamenti generali in circolazione (+1,6 percento rispetto allo stesso periodo nel 2013), mentre il numero di abbonamenti metà-prezzo è calato dello 0,6 percento, passando a 2,338 milioni.

Nel traffico viaggiatori il risultato è calato a –2 milioni di franchi (anno precedente: CHF 29 mio) a causa dei maggiori ammortamenti per il materiale rotabile derivanti dalla continua modernizzazione della flotta. Le FFS prevedono un risultato positivo per l’anno complessivo dato l’andamento stagionale degli affari con maggiori ricavi da traffico nella seconda metà dell’anno.

Immobili: risultato al momento contenuto e aumento dei ricavi locativi
FFS Immobili ha continuato a beneficiare di una buona domanda di immobili in posizione centrale nonché dell’elevata affluenza nelle stazioni. Ciononostante, prima dei pagamenti compensativi, il risultato è sceso del 28 percento a 114 milioni di franchi (anno precedente: CHF 158 mio) a causa della riduzione delle vendite immobiliari. Queste ultime non hanno ancora effetto sul risultato, dato che aumenteranno nella seconda metà dell’anno. I ricavi locativi da terzi hanno registrato un incremento del 5 percento, passando a 206 milioni di franchi (anno precedente: CHF 197 mio). Tale aumento deriva soprattutto dalle nuove costruzioni come l’area di cantiere E dell’Europaallee di Zurigo e le recenti opere inaugurate alla stazione di Ginevra Cornavin.

FFS Cargo: risultato positivo e miglioramento della prestazione di trasporto
La prestazione totale di trasporto nel traffico merci è aumentata del 27 percento passando a 7637 milioni di tonnellate-chilometro nette (anno precedente: 6008 mio). Tale incremento è imputabile principalmente ai nuovi trasporti sull’asse nord-sud. Dopo il risultato positivo registrato nel 2013, FFS Cargo resta in attivo anche nella prima metà del 2014: rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il risultato è cresciuto di 3 milioni, passando a 15 milioni di franchi. In un mercato altamente concorrenziale, FFS Cargo è riuscita ad acquisire nuovi trasporti e a consolidare quelli esistenti. Anche SBB Cargo International ha registrato un andamento positivo a cui hanno contribuito in maniera determinante i nuovi trasporti e gli aumenti di produttività; ne è risultato un utile pari a 1,1 milioni di franchi (+CHF 3,9 mio rispetto alla prima metà del 2013).

Infrastruttura in perdita a causa degli elevati costi di manutenzione
Le tracce-chilometro vendute sono aumentate dell’1,7 percento passando a 86 milioni di chilometri (85 mio nel 2013); questo dato rispecchia il miglioramento della prestazione di trasporto nel traffico viaggiatori e merci. Analogamente al 2013, il risultato del segmento infrastruttura ha risentito delle misure supplementari di manutenzione alla rete ferroviaria. Ne consegue una perdita di
–61 milioni di franchi (anno precedente: CHF –71 mio). Le FFS finanziano queste spese aggiuntive, non previste nella convenzione sulle prestazioni, fino all’entrata in vigore del FAIF nel 2016.

Secondo semestre: potenziare le prestazioni e le offerte per i clienti
Le FFS continueranno a migliorare le prestazioni e le offerte per i clienti anche nella seconda metà dell’anno. In particolar modo, l’offerta verrà ampliata ulteriormente nella Svizzera occidentale: a settembre le FFS inaugureranno la nuova stazione Cornavin a Ginevra, mentre a novembre partirà il progetto epocale «Léman 2030» a Losanna. Entro fine anno i clienti delle FFS beneficeranno di un’ottima ricezione della rete mobile a bordo di tutte le carrozze del traffico a lunga percorrenza grazie all’installazione degli amplificatori di segnale. Entro fine 2015 i clienti potranno accedere gratuitamente a Internet in circa 100 stazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.