«La pressione aumenta in particolare sulla strada»

Giorgio Tuti è presidente del Sindacato del personale dei trasporti (SEV). Nella nuova Rivista Cargo, nella quale tutto verte attorno al connubio tra strada e rotaia, Giorgio Tuti parla di dumping salariale, concorrenza internazionale e carenza di personale.

Giorgio Tuti«I trasportatori e i macchinisti svizzeri risentono maggiormente della concorrenza internazionale rispetto a prima» afferma Tuti nell’edizione 2/15 della Rivista Cargo. (Clicchi qui per accedere all’abbonamento gratuito). Entrambe le categorie professionali sarebbero sottoposte a una crescente pressione da parte dell’Europa intera. «Per i trasportatori tale pressione è ancora più intensa. Questo perché il personale di locomotiva deve soddisfare requisiti più elevati, ad es. in termini di competenze linguistiche, ma anche per ciò che concerne le conoscenze di tratte e veicoli» prosegue il presidente del SEV.

Rivista Cargo 2/15

La nuova rivista cargo sarà disponibile dal 24 agosto 2015. Il numero attuale ruota interamente attorno alla relazione tra strada e rotaia.
La nuova rivista cargo sarà disponibile dal 24 agosto 2015. Il numero attuale ruota interamente attorno alla relazione tra strada e rotaia.

All’abbonamento.

«Nel trasporto su strada si giungerà a un maggiore dumping salariale», spiega Tuti. «Mentre il personale ferroviario può far affidamento su condizioni di lavoro sicure grazie al contratto collettivo di lavoro, nel trasporto su strada la pressione in termini di costi si riverserà completamente sul personale».

Nonostante tutto, viene data solitamente la priorità al personale viaggiante svizzero. Tuti: «In linea di principio, i conducenti svizzeri, sia su rotaia che su strada, si contraddistinguono per un’elevata affidabilità, una solida qualità formativa e una produttività al di sopra della media». Al momento, la maggior parte delle aziende trasportatrici è disposta a pagare anche salari più elevati per tale qualità. «Ma come accennato prima: la pressione aumenta in particolare sulla strada», ribadisce Tuti.

Legga l’intervista completa a Giorgio Tuti nella nuova edizione della Rivista Cargo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.