«Ho corso più che potevo»

Grazie al suo pronto intervento, Micha Diefenbacher è riuscito a impedire in tempo lo scontro tra un camion e un treno della S-Bahn. Nell’intervista, il collaboratore di Cargo Produzione regionale di Frauenfeld di FFS Cargo racconta come ci è riuscito.

Micha Diefenbacher

Di recente, a Winterthur un camion è rimasto bloccato fra le barriere di un passaggio a livello. In pochi secondi sei riuscito a impedire un incidente. Che cosa è successo?
Mi trovavo a Winterthur Grüze per pulire uno scambio che non si azionava più. A un certo punto ho sentito un forte rumore di clacson di automobile. Un camion stava attraversando un passaggio a livello nonostante il semaforo rosso. Le barriere si sono abbassate velocemente ed è rimasto bloccato. Ho subito denunciato l’accaduto al capomovimento, che ha segnalato la situazione di emergenza. Ho notato che l’S-Bahn si stava avvicinando. Così ho cominciato a correre verso il treno sicuramente per un buon 200 metri facendogli cenno con la mano di fermarsi subito. Per fortuna l’S-Bahn è riuscita a fermarsi in tempo.

Se non fossi intervenuto immediatamente, si sarebbe verificato uno scontro?
Sicuramente è stata una fortuna che in quel momento mi trovassi proprio lì. Non saprei dire, però, se il macchinista si è fermato grazie al mio cenno oppure perché ha sentito il segnale di emergenza del capomovimento.

Qual è stata la reazione dell’autista del camion?
In seguito sono tornato di corsa alle barriere. L’autista era sceso dal camion e aveva cominciato a imprecare in italiano. Non capivo che cosa diceva. Chiaramente non si era accorto che un treno stava per scontrarsi con il suo camion. In seguito ho comunicato il numero di targa del camion al capomovimento, il quale ha chiamato la polizia cantonale che in poco tempo è giunta sul posto e lo ha interrogato. Mi sono poi occupato di dirigere il traffico che si era formato a causa dell’incidente.

Prima di agire hai avuto modo di pensare a quello che avresti fatto?
No, ho agito seguendo l’istinto. Ho informato il capomovimento e ho corso più che potevo incontro al treno che si stava avvicinando, in fondo sarebbero potute rimanere coinvolte delle persone.

Ti sei trovato già altre volte in situazioni critiche?
No, non mi è ancora capitato. Sono però una persona capace di mantenere la calma.

Quali sono i tuoi piani futuri?
Innanzitutto devo assolvere il servizio militare per ottenere il grado di sottufficiale. Dopo di che spero di ritornare al mio lavoro. Attualmente mi sono candidato come responsabile circolazione treni: staremo a vedere come andrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.