I carri merci di FFS Cargo viaggiano senza fare rumore

Entro la fine del 2019 FFS Cargo trasformerà tutti i suoi carri merci in una flotta silenziosa, proteggendo così i residenti in prossimità dei binari dai rumori. In Svizzera a partire dal 1.1.2020 sarà vietato l’impiego di carri merci non sottoposti a risanamento fonico.

Entro la fine del 2019 sarà completato l’equipaggiamento degli oltre 5000 carri merci di FFS Cargo con freni a basso impatto acustico, che consentiranno di circolare senza limitazioni sulla rete ferroviaria svizzera. L’intervento, effettuato nell’ambito del risanamento fonico, consiste nella trasformazione del sistema di frenatura dei carri e nella sostituzione dei ceppi frenanti in ghisa grigia con i nuovi ceppi K (in materiale composito). Con queste modifiche i carri rispondono pertanto ai valori limite di emissione di 83 db(A) definiti nella legislazione europea «STI Rumore». La trasformazione dei carri di FFS Cargo è avvenuta nelle officine FFS; l’intervento sui veicoli nuovi è stato eseguito contestualmente alla produzione.

Le FFS a fianco della Confederazione con il divieto ai carri merci rumorosi

Dal 1° gennaio 2020 la Confederazione vieterà l’omologazione in Svizzera di carri merci non sottoposti a risanamento fonico. Sono stati stabiliti valori limite di emissione per i carri merci che circolano sulla rete a scartamento normale (Legge federale concernente il risanamento fonico delle ferrovie). Pertanto, a causa delle loro emissioni foniche, dal 1° gennaio 2020 i carri con ceppi frenanti in ghisa saranno vietati per legge sulla rete ferroviaria svizzera.

FFS Cargo sostiene tale divieto e appoggia un’applicazione delle nuove direttive fin dall’inizio equilibrata e conforme alla legge. Per i traffici di transito e di importazione con carri esteri sono attualmente in corso di applicazione provvedimenti volti a garantire una procedura corretta.

A tale proposito, FFS Cargo collaborerà con ferrovie partner per sviluppare nuovi processi operativi, come ad esempio il riconoscimento dei carri non sottoposti a risanamento fonico sin dalla prenotazione o la definizione di stazioni di smistamento nei Paesi confinanti, al fine di permettere un’eventuale messa fuori servizio dei carri. In aggiunta, saranno adattate in maniera mirata anche le condizioni contrattuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.