Un corridoio per proteggere la natura e il clima

Il terminale di trasbordo Gateway Basel Nord sorgerà su una superficie che ospita specie animali e vegetali rare. L’introduzione di biotopi sostitutivi e di un passaggio faunistico contribuirà a minimizzare il più possibile l’impatto sulla natura.

Alla fine degli anni Ottanta la Deutsche Bahn ha sospeso l’esercizio nella stazione di smistamento di Baden (Basilea). Da allora, nell’area di oltre 20 ettari che si estende tra le rotaie e la massicciata è sorto un biotopo di prati e pascoli secchi da proteggere, nel quale si sono in sediate rare specie vegetali (alberi, cespugli, fiori) e animali (cavallette, lumache e rettili).

Questo luogo speciale è teatro di un conflitto tra protezione del clima e della natura. È qui infatti che sorgerà un terminale di trasbordo trimodale tra la ferrovia, il Reno e la strada: il Gateway Basel Nord. «Il progetto è fondamentale ai fini del trasferimento del traffico merci su rotaia e quindi anche per la riduzione delle emissioni di CO2 e la tutela del clima», spiega Martin Haller, che segue il progetto per FFS Cargo in qualità di membro del Consiglio d’amministrazione di Gateway Basel Nord AG. «Anche se il piano direttore cantonale destina l’area a finalità logistiche, sentiamo una forte responsabilità per la conservazione della biodiversità», afferma Haller. Le somme disposte per la protezione della natura equivalgono ormai agli investimenti per la pianificazione del terminale.

Per minimizzare il più possibile l’impatto sulla natura sono previsti diversi interventi sostitutivi: su una superficie di almeno 4000 m² sorgerà un corridoio faunistico lungo il terminale per autocarri e la darsena 3 pianificata. «Gli animali avranno così il passaggio garantito», spiega Martin Haller. «Inoltre, rotaie e massicciata dell’ex stazione di smistamento di Baden saranno mantenute inalterate in gran parte dell’area». La riqualificazione ecologica nell’attuale bosco ceduo di Hard/Pratteln, nella stazione di smistamento di Muttenz e nel terreno agricolo di Lange Erlen darà vita a nuovi, preziosi habitat. Le superfici sostitutive (45 ettari) equivalgono a circa quattro volte l’area del futuro terminale.

Una volta ultimato, il Gateway Basel Nord sarà il più grande terminale di trasbordo della Svizzera. Il corridoio faunistico previsto non collegherà solo gli habitat: una terrazza consentirà ai visitatori di ammirare da vicino l’interazione tra natura e logistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.