Il settore economico dei trasporti e i Cantoni chiedono miglioramenti per il traffico merci

Un gruppo di progetto ha presentato i risultati di uno studio relativo alle sfide a lungo termine in materia di infrastruttura del traffico merci in Svizzera.

lapraille184

A febbraio 2013, il settore economico dei trasporti (Associazione svizzera dei proprietari di binari di raccordo e carri merci privati VAP, Cargo Forum Svizzera e Cluster logistico di Basilea) e i Cantoni avevano incaricato un gruppo di progetto di analizzare le sfide a lungo termine in materia di infrastruttura del traffico merci nel nostro Paese. Questa settimana il gruppo di progetto ha presentato il rapporto finale, che contiene 24 raccomandazioni di intervento all’indirizzo della Confederazione, dei Cantoni e del settore del traffico merci.

Il rapporto indica che è necessario intervenire nell’ambito dell’infrastruttura del traffico merci. Se non saranno adottate tempestivamente le necessarie contromisure, le strettoie che caratterizzano la rete stradale e ferroviaria si accentueranno ulteriormente. Per quanto concerne la rete ferroviaria, il rapporto chiede tra l’altro un nuovo collegamento Aarau–Zurigo, un terzo traforo del Giura e l’ampliamento del nodo di Zurigo. Nelle sedi logistiche si dovranno costruire nuovi impianti per il trasbordo delle casse mobili. «Il terminale trimodale di container di Basilea nord è un progetto chiave e dovrà essere imperativamente realizzato con la partecipazione della Confederazione», sta scritto nel documento. Il rapporto considera inoltre opportuna la proposta del Consiglio federale di creare una «pari dignità» tra il traffico viaggiatori e merci nel quadro della revisione della legge sul trasporto di merci. Determinante è tuttavia che i Cantoni e il settore dei trasporti merci siano coinvolti in ogni fase del processo (concetto e piani di utilizzazione della rete, aggiudicazione delle tracce, programma di sviluppo PROSSIF).

Le FFS accolgono con favore l’iniziativa del settore economico dei trasporti e dei Cantoni che mirano a identificare e affrontare insieme le sfide a lungo termine del traffico merci in Svizzera. «Dal punto di vista delle FFS lo studio evidenzia le sfide principali del traffico merci su rotaia e trae le giuste conclusioni», afferma Bernhard Meier, delegato Public Affairs delle FFS.

Il rapporto è disponibile al sito (in tedesco e francese)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.