Ferrovie merci nei Paesi limitrofi (parte 1): Fret SNCF

Per la prima volta dopo oltre 40 anni, nel 2013 FFS Cargo è tornata in attivo. Per conseguire questo risultato, sono stati necessari anche pesanti tagli. Qual è la situazione delle ferrovie merci statali nei Paesi limitrofi? Ecco una breve serie di articoli al riguardo.

Foto: SNCF
Foto: SNCF/Sébastien Godefroy

Fret SNCF è la più grande impresa francese di trasporto merci su rotaia. Fret SNCF opera su tutti i corridoi merci europei; a livello europeo si situa al terzo posto dopo DB Schenker Rail. L’azienda pubblica impiega circa 8000 collaboratrici e collaboratori e appartiene al gruppo SNCF. Analogamente a FFS Cargo in passato, anche Fret SNCF (in precedenza SNCF Marchandises) deve far fronte a gravi problemi finanziari, infatti è in passivo dal 1999.

Stando a quanto dichiarato l’anno scorso (2014) in un’intervista a «Deutsche Verkehrszeitung» (DVZ) da Sylvie Charles, responsabile del traffico merci su rotaia SNCF, la ferrovia francese ha dovuto misurarsi con due grandi sfide. Da un lato in Francia è in atto una profonda deindustrializzazione a scapito della ferrovia. Dall’altro, sono sempre meno i clienti che accettano di vincolarsi a lungo termine. Non sono disposti a stimare i volumi su un arco temporale di 12-18 mesi, ma si limitano al massimo a 4 mesi.

Oltre a Fret SNCF, anche la società di diritto privato VFLI appartiene al settore del traffico merci su rotaia di SNCF. SNCF offre tutti i suoi servizi di logistica con il nome di «SNCF Geodis» (nel 2008 SNCF ha acquisito l’azienda di logistica Geodis). Dalla liberalizzazione del traffico merci su rotaia nel 2006, la quota di mercato della ferrovia statale francese è calata al 63 percento.

Dati chiave Fret SNCF

Collaboratori: 8000
Veicoli motore: 850
Punti di servizio: 800
Fatturato: 1,1 miliardi di euro

Fret SNCF ha avuto notevoli problemi con il traffico a carri completi. In effetti, si è reso necessario ridurre drasticamente la rete dei punti di servizio per ottenere un risparmio dei costi. Ciò nonostante ipotizzare un ritiro dell’impresa dalla superficie è errato, ha affermato Sylvie Charles nell’intervista. Tale supposizione ha preso piede nel 2008, quando il traffico a carri completi isolati ha registrato un calo del 50 percento. «Siamo un’impresa ferroviaria attiva in tutto il Paese». Attualmente Fret SNCF possiede ancora oltre 800 punti di servizio.

SNCF Geodis offre trasporti in tutta Europa come «Captrain». Dal giugno del 2007 FFS Cargo e SNCF Fret cogestiscono un collegamento transfrontaliero tra Mulhouse e Buchs (SG). La collaborazione consente di semplificare i traffici merci transfrontalieri est-ovest su questa tratta, in modo tale da accrescere la competitività rispetto alla strada. Da allora, infatti, i treni merci possono attraversare la frontiera senza interruzioni per il cambio di locomotiva e macchinista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.