«Il traffico a carri isolati è il settore principe»

Alexander Hedderich, DB Schenker Rail

Il traffico a carri completi isolati è la spina dorsale del traffico merci su rotaia, afferma Alexander Hedderich, CEO di DB Schenker Rail.  L’azienda di trasporto merci con sede a Magonza è un’affiliata della Deutsche Bahn (DB) attiva in tutta Europa, dalla Spagna alla Russia. Dispone della più grande flotta del continente.

Rispetto ad altri paesi europei, la ferrovia in Svizzera raggiunge quote di mercato superiori alla media. La Svizzera rappresenta per lei un modello da seguire?
Alexander Hedderich: Ovviamente la Svizzera è un esempio per molti in Europa, perché dà un’importanza enorme al traffico merci su rotaia, un fatto tutt’altro che ovvio in altri paesi.

Il traffico a carri completi isolati è sottoposto a forti pressioni a livello internazionale. Alcuni paesi, come l’Italia, l’hanno abolito. Ha ancora un futuro?
Alexander Hedderich: Il traffico a carri isolati è la spina dorsale del traffico merci su rotaia, e continueremo certamente a offrirlo ai nostri clienti. Si tratta del settore principe, perché a portare treni blocco da A a B sono capaci tutti. Il contesto di mercato però è complesso, e dobbiamo continuamente migliorare il sistema a carri isolati, a volte addirittura reinventarlo. È proprio questo che vogliamo fare con il nostro nuovo modello commerciale «Netzwerkbahn» e con l’alleanza Xrail.

Che cosa devono fare le imprese di trasporto merci per essere pronte per il futuro?
Alexander Hedderich: Devono essere in grado di offrire soluzioni di trasporto in tutta Europa, da un unico fornitore e con un’elevata qualità. Questo significa essere posizionati su tutto il territorio europeo, contare su procedure snelle e ben definite e soprattutto collaboratori che seguano anch’essi questo orientamento europeo. Soltanto allora le ferrovie merci potranno competere con altri sistemi di trasporto.

L’ultimo numero della rivista Cargo analizza a fondo la domanda «Traffico merci su rotaia – la Svizzera come modello?».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.